Chi siamo
Contatti
Dove trovarci
Dicono di noi...
Home page
Mostra Virtuale
Presentazione
Orari
Iscrizione
La mostra
I Partecipanti
I Vincitori
Il presepio grande
Presepi dal Mondo
Mostra 2016
Mostra 2015
Mostra 2014
Mostra 2013
Mostra 2012
Mostra 2011
Mostra 2010
Mostra 2009
Mostra 2008
Mostra 2007
Mostra 2006
Mostra 2005
Mostra 2004
Altre manifestazioni a Gianico
Foto ricordo
Il ceppo di Natale
San Giuseppe
Erode
Natale e sue rappresentazioni
Ricette per Natale
L'agrifoglio
La leggenda del vischio
Musica natalizia
Foto natalizie
Clipart e Disegni
Siti tematici
Presepi Bresciani
Erode


Erode detto Antipa, tetrarca di Giudea, Figlio di Erode I e di Maltache, nacque verso il 20 a.C.. In uno degli ultmi testamenti era stato designato dal padre a succedergli nella dignità regia, ma fu poi sostituito con Archelao e lasciato erede solo di una parte del territorio con il titolo di tetrarca.

Morto il padre corse a Roma, per sostenervi presso Augusto i propri diriFtti, ma l’imperatore tolse l’oggetto della contesa, abolendo la dignità regia. Archelao ebbe la Giudea, Antipa la Galilea e la Perca, Erode Filippo I la Gaulonitide, la Traconitide e la Batanea. Quando nel 6 d.C. Archelao fu accusato di governare male e deposto, anche Antipa e Filippo corsero qualche pericolo, ma si salvarono e seguirono una politica di stretta adesione alla casa imperiale. Antipa intitolò all’imperatrice Livia una città da lui ricostruita in perca, e chiamò Tiberiade la capitale che costruì presso il lago di Gennesaret. Tiberio ebbe infatti stima e fiducia verso Antipa. In occasione di un viaggio fatto a Roma per ossequiare l’imperatore, Antipa visitò suo fratello Erode Filippo I e s’invaghì della moglie di lui, Erodiade, così fortemente che, tornato in Palestina, la tolse al fratello e la sposò, sebbene fosse sua nipote e cognata.

Il sentimento religioso giudaico ne fu vivamente offeso e Giovanni Battista che allora predicava penitenza nei territori di Antipa, ne prese occasione per rivolgergli forti rampogne. Per questo, o perché temeva che il Battista fomentasse sollevazioni nel popolo, Antipa lo fece arrestare e decapitare. Ma l’unione con Erodiade provocò anche un conflitto col re degli Arabi, che degenerò verso il 35-36 in aperta guerra, nella quale l’esercito di Antipa fu battuto. A vendicarlo mosse per ordine di Tiberio l’esercito romano di Siria, sotto il comando di Vitellio, ma questi sostava in Gerusalemme, quando giunse la notizia della morte dell’imperatore. Vitellio, per motivi personali ostile ad Antipa, interruppe allora la spedizione.

Succeduto nel trono imperiale Caligola, Antipa rivolse la sua devozione verso di lui, presso il quale era diventato assai potente Agrippa, fratello di Erodiade. Quando giunse in Palestina la notizia che Agrippa era stato nominato re da Caligola, Erodiade spinse il marito a recarsi a Roma per ottenere uguale onore. Qui però Agrippa l’aveva accusato di congiurare contro la sicurezza dell’Impero e non avendo saputo prontamente rispondere a Caligola che l’interrogava, fu privato dei suoi domini e confinato a Lugdunum Convenarum al nord dei Pirenei, dove lo seguì animosamente Erodiade.

La storia evangelica mette Erode Antipa in rapporto anche con Cristo, che egli sospettò fosse Giovanni redivivo, e che rimandò a Pilato senza condanna.


Per gentile concessione della rivista Presepi Bresciani anno 1998