Chi siamo
Contatti
Dove trovarci
Dicono di noi...
Mostra Virtuale
Home page
Youtube Channel
Presentazione
Orari
Iscrizione
Presepi dal Mondo
Mostra 2017
Mostra 2016
Mostra 2015
Mostra 2014
Mostra 2013
Mostra 2012
Mostra 2011
Mostra 2010
Mostra 2009
Mostra 2008
Mostra 2007
Mostra 2006
Mostra 2005
Mostra 2004
Altre manifestazioni a Gianico
Foto ricordo
Il ceppo di Natale
San Giuseppe
Erode
Natale e sue rappresentazioni
Ricette per Natale
L'agrifoglio
La leggenda del vischio
Musica natalizia
Foto natalizie
Clipart e Disegni
Siti tematici
Presepi Bresciani
Il ceppo di Natale


Tra i molti costumi che fanno del Natale la Festa più bella dell’anno, una tradizione tipicamente bresciana resiste all’avanzare tecnologico: “Il ceppo natalizio”.

Oggi molti hanno la possibilità di accendere nella propria casa il camino, quindi non ci sono molte difficoltà a recuperare il ciocco da ardere. Un tempo quando la povertà imperava, gli ostacoli erano maggiori, ed allora una tradizione liberatoria sistemava ogni cosa. Era infatti costume e dovere del “padrone” regalare il ceppo natalizio ai suoi braccianti. Erano proprio i figli del contadino che si recavano dal padrone per la richiesta del pezzo di legna buona. Doveva essere un tronco di gelso o di rovere.

Il ceppo di Natale

Il Natale è la festa che rende possibile ciò che le norme sociali hanno proibito. È il trionfo della bontà, anche se programmata, ed i bambini andavano allegri alla casa padronale a chiedere legna. Il ciocco veniva trascinato fino a casa, e poi, sul fuoco, doveva ardere per tutta la notte della vigilia.

A questa usanza sono legate credenze dal sapore magico. Si diceva infatti che chi bruciava la Notte di Natale, avrebbe preservato la sua casa dalle malattie e dagli incendi. Il ceppo favoriva anche i matrimoni, e la fertilità della terra.

Un rito pagano, quindi, sapientemente integrato nella fede cristiana, pur se legato ai culti tribali agrari. È ben noto come i pagani celebrassero l’evento accendendo dei grandi fuochi in onore dei Lari, al solstizio d’inverno. Si festeggiava la ri-nascita del sole, mentre i cristiani tenevano viva la fiamma del ceppo natalizio in attesa della venuta di Gesù.

Il rito è rimasto, cambiano le speranze. L’ardere del ceppo natalizio, sparso con vino benedetto dal capo della famiglia è, in tutta Europa, il corrispondente dei Fuochi di San Giovanni, che ricordano l’epoca in cui il sole riacquista vigore e beneficia la terra.


Per gentile concessione della rivista Presepi Bresciani anno 1998